Il curriculum vitae è una biografia “zippata”, un biglietto da visita, uno strumento di comunicazione attraverso cui è possibile presentarsi efficacemente a un’azienda potenzialmente interessata al nostro profilo. 

Il curriculum vitae è il nostro racconto vivo: per farlo crescere non basta aggiungere dei pezzi al curriculum chiuso nel cassetto ogni volta che facciamo delle nuove esperienze, perché queste modificano le nostre competenze, integrano le conoscenze; in sostanza cambiano il quadro generale della nostra persona che offriamo ai nostri interlocutori. 

Un buon CV, deve essere in grado di:

  • fornire tutte le informazioni personali, formative e professionali per capire se la candidatura proposta è coerente o meno con il profilo ricercato;
  • descrivere le proprie esperienze e le competenze acquisite;
  • incuriosire e stimolare l’azienda a mettersi in contatto con chi lo ha inviato: nella sua scrittura occorre immedesimarsi nel selezionatore che lo leggerà;

fornire una buona impressione da approfondire attraverso un colloquio di selezione.

Indicazioni utili
  • La foto non è indispensabile (qualora volessimo inserirla, è bene sceglierne una in stile fototessera);
  • Concentrarsi sull’essenziale (i datori di lavoro impiegano generalmente meno di un minuto per valutare un CV ed effettuare una prima selezione dei candidati);
  • Non inviare “a tappeto”, casualmente, il CV: esso, deve essere sempre “personalizzato”, “adattato” e “contestualizzato”. Interlocutori differenti richiedono messaggi differenziati, si tratta di modulare il messaggio, accentuando o sfumando il peso di alcune informazioni;
  • Specificare sempre in quale contesto sono state acquisite le competenze indicate;
  • Non dimenticare mai in calce di inserire sempre l’autorizzazione al trattamento dei dati personali: “Autorizzo il trattamento dei dati personali contenuti nel mio curriculum vitae in base all’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e all’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali”.

 

Il CV Europass è il formato richiesto dalle aziende e più utilizzato; esso rappresenta un documento per presentare le proprie competenze e qualifiche in modo chiaro ed efficace. Attraverso il sito https://europass.cedefop.europa.eu/it/documents/curriculum-vitae è possibile utilizzare lo strumento di creazione online del CV: salvando il CV in formato XML o PDF+XML è possibile caricarlo e aggiornarlo online in un secondo momento.

Le principali sezioni in cui si articola il modello Europass sono:

  • Informazioni personali;
  • Occupazione per la quale si concorre / Posizione ricoperta / Occupazione desiderata / Titolo di studio / Dichiarazioni personali;
  • Esperienza Professionale (partire dalla più recente focalizzandosi su quelle esperienze lavorative che diano un valore aggiunto alla candidatura).
  • Istruzione e Formazione (partire dalla più recente focalizzandosi sui corsi di istruzione e formazione rilevanti per la richiesta);
  • Competenze personali (Linguistiche: scelta di una o più lingue e autovalutazione del livello di conoscenza, possibilità di inserire l’eventuale conseguimento di un certificato; Comunicative: abilità e attitudini a stabilire e gestire rapporti con altre persone utilizzando modalità di comunicazione appropriate; Organizzative e Gestionali: capacità di scegliere, decidere e attuare la strategia più adeguata nel contesto specifico in cui si opera; Professionali: competenze strettamente connesse all’esercizio della professione; Digitali: autovalutazione del livello di conoscenza, elenco di eventuali certificati conseguiti, descrizione di altre abilità informatiche);
  • Altre competenze (elencare le competenze che non hanno trovato spazio nei campi precedenti e che si ritiene possano concorrere a tracciare un quadro più esauriente delle capacità personali e possano apportare valore aggiunto alla candidatura);

Ulteriori informazioni/Dati personali (inserire l’appartenenza a gruppi/associazioni, eventuali certificazioni, la partecipazione a conferenze e corsi, menzioni, presentazioni, progetti, pubblicazioni, referenze, riconoscimenti e premi, la partecipazione a seminari, l’autorizzazione al trattamento dei dati personali).