Laboratorio per l'Analisi Quantitativa dei Dati

Presentazione e finalità del centro

Il Laboratorio per l’Analisi Quantitativa dei Dati è stato istituito nel 2003 all’interno del Dipartimento di Scienze Economiche, Matematiche e Statistiche per offrire l'accesso alle proprie risorse informatiche e telematiche per fini di studio e ricerca e di utilità a ciò connesse.

L’uso e l’accesso al Laboratorio è regolato dal regolamento approvato dal Consiglio di Facoltà di Economia in data 14/12/2005.

Il Laboratorio per l’Analisi Quantitativa dei Dati è diretto dal Responsabile Scientifico del Laboratorio ed è gestito dal Responsabile Tecnico.

Al Responsabile Scientifico, ora prof. Luigi De Cesare, compete la definizione, il coordinamento e l'organizzazione strategico/operativa dell'architettura hardware e del software (sia di base che applicativo) acquisito ed installato sulle apparecchiature in dotazione, nonché la predisposizione degli opportuni meccanismi di protezione ed auditing degli accessi alle risorse informatiche.

Il Responsabile Tecnico cura l’aspetto tecnico e funzionale delle risorse informatiche regolamentandone l’accesso.

Nel Laboratorio si tengono occasionalmente lezioni per i corsi di Dottorato, per i corsi di Perfezionamento e per i Master organizzati dal Dipartimento di Economia.

Lo spin Off del Dipartimento di Economia “Innovagritech” è ospitato all’interno del Laboratorio di Analisi Quantitativa dei Dati.

Altro

Dal 2013 il Laboratorio per l’Analisi Quantitativa dei Dati è sede di attrezzature del Progetto L.A.I.F.F. – Rete di Laboratori per l'Innovazione nel campo degli Alimenti Funzionali.

Il 10/04/2013 con Prot. n. 9593-III/12, tra l’Università di Foggia e la società “Innovagritech S.r.l.” è stata stipulata una convenzione della durata di tre anni per l’utilizzo degli spazi ed attrezzature del Laboratorio per l’Analisi Quantitativa dei Dati, per complessivi due giorni e mezzo a settimana.

Responsabili

Responsabile Attività Didattica e di Ricerca: Prof. Luigi De Cesare

Responsabile Tecnico: Prof. Giovanni Villani