La lettera di presentazione è uno dei principali strumenti di ricerca attiva del lavoro, il cui obiettivo principale è quello di catturare l’interesse del selezionatore per ottenere un appuntamento conoscitivo presso l’azienda attraverso l’autocandidatura. Ciò nonostante lo strumento della lettera è tralasciato da molti candidati oppure approntato troppo frettolosamente. In realtà bisogna abituarsi a pensare al CV come al secondo componente di un prodotto comunicativo formato dal binomio Lettera + CV.

Attraverso il sito https://europass.cedefop.europa.eu/editors/it/cl/compose è possibile compilare online la propria lettera di presentazione.

La lettera deve essere:

  • chiara; 
  • precisa (concreta, senza errori ortografici); 
  • facile da leggere (stile succinto, diretto e scorrevole, uso della prima persona); 
  • breve (massimo 10 righe, lettere più lunghe solitamente stancano e non vengono lette). 

In sintesi in una lettera di presentazione o di autocandidatura è necessario:

  1. inserire un’intestazione con i propri dati e contatti; 
  2. inserire le coordinate dell'organizzazione e della persona da contattare - titolare, responsabile, selezionatore del personale - alla quale è destinata la lettera di presentazione.
  3. indicare l’oggetto della lettera: es. Autocandidatura per/Candidatura a/Risposta all’annuncio Rif……;
  4. nella formula di apertura rivolgersi direttamente al destinatario; nel corpo della lettera, compilare il paragrafo di apertura inserendo una breve presentazione di sé (es. formazione, caratteristiche personali, valori) e spiegando il motivo per cui si è scelta proprio quella azienda o perché si è interessati a quel lavoro (es. sono certo che l'esperienza presso…consentirebbe di perfezionare le mie conoscenze e favorirebbe la mia crescita professionale. Scrivere max. 3 righe);
  5. nel corpo centrale della lettera far riferimento al CV allegato evidenziando le esperienze professionali e le competenze acquisite che sono in linea con quelle del profilo ricercato nell’annuncio di lavoro e/o con il settore di cui si occupa l’azienda e che per la stessa possono rappresentare un valore aggiunto (max. 5 righe);
  6. nel paragrafo di chiusura sottolineare la propria disponibilità a ottenere un colloquio e/o un incontro conoscitivo (es. RingraziandoLa/Vi per l'attenzione, resto a disposizione per ogni chiarimento e spero che Lei/Voi possa/possiate contattarmi per un colloquio conoscitivo).