Storia e organizzazione

disegno antico del palazzo Ateneo

Foggia ha avuto sempre la vocazione di essere sede di un polo universitario.

Già nel Settecento vi erano alcune cattedre accademiche: Umanità e Retorica, Filosofia, Legge. Furono istituite dal decurionato, per avere in loco una scuola per gli studi superiori onde evitare ai figli della emergente borghesia il completamento dei loro studi a Napoli. Già da allora operarono a Foggia grandi avvocati e magistrati per la presenza dello speciale Tribunale doganale e del relativo foro.

Anche i conventi, rappresentavano un considerevole punto culturale , custodendo importanti biblioteche con una notevole quantità di testi, non solo religiosi, che passarono poi al demanio a seguito della normativa riguardante la confisca dei beni agli ordini religiosi all'indomani dell'unità d'Italia.

Già nel 1800 veniva istituita, nella città di Foggia, la prima Cattedra universitaria di "Fisica ed Agricoltura", che nel 1804, il Re assegnava a Giuseppe Rosati, illustre studioso foggiano, per i suoi particolari ed ampiamente riconosciuti meriti.

Nel 1858 furono attivate anche le cattedre di Diritto e Procedura Civile, Diritto e Procedura Penale, Scienze naturali e Chimica, Anatomia Umana Comparata e Fisiologia. In seguito all'Unità d'Italia, uno dei primi provvedimenti emanati nel campo della Pubblica Istruzione riguardò la soppressione dell'ordine dei Padri Gesuiti. Così, in circa due anni tutte le cattedre foggiane furono definitivamente soppresse, vittime anche della politica post-unitaria indirizzata soprattutto alla laicizzazione dello Stato.

 

L'Università oggi
foto dell'ingresso di Largo Papa Giovanni Paolo II

Da allora non si è più parlato di una Università a Foggia fino all'Anno Accademico 1988-1989, anno in cui il Consorzio per l'Università di Foggia ha organizzato alcuni "seminari " svolti da docenti della facoltà di Economia di Bari.

A questi sono seguiti, nell'anno successivo, altri " seminari" di docenti della Facoltà di Giurisprudenza e nell'Anno Accademico 1991-1992 quelli di docenti della Facoltà di Lettere e Filosofia. Il primo Anno Accademico ufficiale (1990-91) del polo Universitario di Foggia è stato inaugurato il 12 gennaio 1991 alla presenza del Ministro dell'Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica, del Magnifico Rettore e del Senato Accademico dell'Università di Bari, oltre che di varie autorità, docenti e studenti.

Dall’Anno Accademico 1990-91 a Foggia sono stati attivati corsi universitari ufficiali, relativi alle Facoltà di Economia, Giurisprudenza e Agraria, (con il corso di laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari) "gemmate" dalle relative Facoltà di Bari. Nell'anno accademico 1992-93 sono stati attivati i corsi per i seguenti Diplomi Universitari: Economia e Gestione dei Servizi Turistici, Produzioni Vegetali, Ingegneria Meccanica, Scienze Infermieristiche e nel 1993-94 sono stati attivati il primo e il quarto anno del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia della medesima facoltà .

A partire dal 1° novembre 1994 le facoltà di Agraria e di Economia hanno conseguito l’autonomia didattica pertanto i rispettivi Consigli di facoltà hanno nominato presidi: il Prof. A. Muscio (Facoltà di Agraria) e il Prof. V. Spada (Facoltà di Economia).

Con Decreto del 5 agosto 1999 il Ministro dell'Università e della Ricerca scientifica e Tecnologica ha istituito l'Università degli Studi di Foggia ampliando il numero delle facoltà e dei corsi di laurea e di diploma (gazzetta ufficiale del 5-8-99).

Ad oggi, l’organico della Facoltà di Economia è costituto da 20 professori ordinari, 12 professori associati, 32 ricercatori, 15 unità di personale tecnico-amministrativo, e la sua sede è suddivisa sia in Largo Papa Giovanni Paolo II n. 1 (Uffici di Presidenza, laboratori Informatici, Aule Specialistiche, Biblioteca), che in Via Romolo Caggese n. 1 (Aule, Aula Magna, Segreterie Studenti e Didattica)

La Facoltà di Economia dell’Università degli Studi di Foggia nel 2002 ha aperto due sedi (Manfredonia e San Severo) decentrate, grazie al contributo dei comuni ospitanti, al fine di legare sempre più le esigenze e le specificità del territorio con percorsi di studio a carattere economico.

Dal 2012 la Facoltà di Economia e i due dipartimenti SEAGMG e SEMS sono stati accorpati nel Dipartimento di Economia.